Visitare Formia cosa vedere guida turistica

Cosa vedere a Formia: consigli informazioni idee per visitare Formia

Formia è situata nella parte sud della costa del Lazio, in provincia di Latina (a 80 km circa di distanza).

Indice:
  1. Video Formia
  2. Formia
  3. Cosa vedere a Formia?


Guarda il video: Formia dal drone


Formia

Il suo nome deriva dalla parola greca hormiai che significa approdo, la leggenda vuole che anche Ulisse vi fece una sosta durante il suo lungo viaggio.
Formia è affacciata sul tranquillo golfo di Gaeta e fu un luogo di villeggiatura prediletto dai patrizi in epoca romana. Anche Cicerone amava soggiornarvi e qui fu assassinato dagli accoliti di Marco Antonio.

Formia prosperò fino alla caduta dell’Impero Romano, diventò possedimento dei Longobardi, fu conquistata e distrutta dai Saraceni che la occuparono fino al 915.
Nacquero sulle sue rovine il villaggio di Mola, sul mare, e Castellone all’interno; in questa locazione Carlo d’Angiò, nel 1300 commissionò la costruzione di un castello.

Nel 1862 lo sviluppo urbano avvicinò i due nuclei che si riunificarono con il nome originario.
Oggi Formia è una elegante località balneare ed un’altra frazione, Maranola, si è aggiunta al suo comprensorio.


Cosa vedere a Formia e dintorni

  • Tomba di Cicerone: mausoleo funerario a torre circondato da un muro realizzato con la tecnica “opus reticulatum”, visite guidate info Tel. 0771 770382
  • Criptoportici: portico seminterrato tipico dell’architettura romana, fa parte di un’antica villa sul mare (villa comunale)
  • Villa di Mamurra: resti di una villa romana appartenuta probabilmente al facoltoso cavaliere di Formia Mamurra.
  • Il Cisternone: impianto idraulico sotterraneo, vi si accede da Piazza Sant’Anna (Castellone); suggestiva la visita, permessa da camminamenti galleggianti, per la particolare illuminazione.
  • La Fontana di San Remigio: sulla Via Appia, in direzione di Roma.
  • Scavi di S. Erasmo: necropoli situata presso la chiesa omonima.
  • Le Peschiere: impianti per l’allevamento ittico, la maggiore e meglio conservata delle due è pertinenza della villa comunale./li>

Torna alla pagina: Cosa vedere nel Lazio