Visitare Siena cosa vedere guida turistica

Cosa vedere a Siena: consigli informazioni idee per visitare Siena.

Immergiti nell’atmosfera di Siena

Siena

Siena è ubicata al centro della Toscana, tra le colline chiantigiane e le Crete Senesi è una delle più belle città d’arte italiane

Siena, capoluogo di provincia della Toscana è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità per la ricchezza delle opere artistiche è nota anche per il celebre Palio ed è la sede di una delle più antiche università europee.

Siena è posta in una ricca area agricola nel centro della Toscana, abbracciata dalle colline del Chianti a nord e da una superfice argillosa a sud: le crete senesi.
La città si manifesta al visitatore per mezzo della Porta Camollia, dove spicca la frase: “Cormagis tibi Sena pandit” (Siena ti apre un cuore ancor più largo di questa porta).

Una frase che testimonia l’antica ospitalità di queste genti.
Siena è dominata dal rosso degli edifici in cotto, dalle chiese con campanili slanciati, dai tranquilli e intricati vicoli. Lo scheletro della città è del periodo racchiuso tra il XII e Xlll secolo, quando i borghi a nord e ad est furono inglobati all’abitato alto-medievale.
Ancora oggi Siena è suddivisa in tre terzieri: Terzo di Città, Terzo di Camnollia e di San Martino e come un tempo, Siena è composta da parecchie contrade (oggi 17, nel Medioevo 42), tra le quali è sempre molto forte lo spirito di competizione che giunge al culmine durante la “Corsa del Palio”, che si svolge due volte l’anno, il 2 luglio e il 16 agosto in Piazza del Campo, luogo d’incontro dei crinali delle tre colline senesi.

Cosa visitare

Cosa vedere a Siena e dintorni

  • La piazza più celebre di Siena è sicuramente Piazza del Campo sulla quale prospettano il Palazzo Pubblico, sede comunale e del Museo Civico, la Torre del Mangia, Palazzo d’Elci e Palazzo Sansedoni.
  • In Piazza del Campo, che due volte all’anno si trasforma nell’arena in cui si corre il Palio, si può ammirare una splendida fontana realizzata da Jacopo Della Quercia.
  • Passeggiando per il dedalo di caratteristiche viuzze si incontrano la Loggia della Mercanzia; il Palazzo Piccolomini, esempio di architettura rinascimentale; la Fortezza Medicea; l’Orto Botanico; il complesso museale dello Spedale di Santa Maria della Scala e l’annessa Chiesa della Santissima Annunziata.
  • Merita una menzione a parte il Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta unisce i tratti romanici del campanile a quelli gotici della facciata, imponente e spettacolare conserva capolavori di artisti come Nicola Pisano e Gian Lorenzo Bernini; la pavimentazione è costituita da riquadri marmorei decorati da artisti vari.
  • Sotto la città si snodano i 25 km dei Bottini, un sistema di condutture per l’approvvigionamento idrico della città; nei tunnel vengono organizzate visite guidate da prenotare con abbondante anticipo.

Le Contrade

Le contrade sono tante città nella città
A rendere Siena singolare ed affascinante contribuiscono le sue diciassette contrade, che possono considerarsi città nella città, che nei secoli hanno immagazzinato una distinta e rilevante storia.
Infatti fin dal XIII secolo la contrada era un insieme di persone che viveva nella stessa area e si indirizzava prevalentemente alle medesime attività lavorative.
Per esempio, il nome della contrada del Bruco ha origine dalla professione dei setaioli dei propri abitanti.
Ed ancora oggi, ogni contrada ha sue chiese, circoli di ritrovo e sale di riunione.

I Musei di Contrada

Per conoscere Siena a fondo, i Musei di Contrada sono una tappa fondamentale, arricchiti ogni anno, grazie all’inserimemito dei bramati “drappelloni” consegnati alla contrada vincitrice del Palio, dipinti dai più importanti artisti contemporanei quali Renato Guttuso (contrada della Giraffa), Aligi Sassu (Chiocciola), Salvatore Fiume (Valdimontone)
In questi musei unici e affascinanti, si impara anche l’origine dei simboli delle contrade, che oggi si ispirano a una fauna fantasiosa, ma che un tempo erano denominate in base al territorio o alla parrocchia di appartenenza.

Utilità

Ulteriori approfondimenti e informazioni nel sito del Comune di Siena.

Dove dormire a Siena



Potrebbero interessarti le guide turistiche di…

Cosa vedere a Rapolano Terme (31,5 km)
Cosa vedere a San Gimignano (39,1 km)
Cosa vedere a Monte San Savino (46,2 km)
Cosa vedere a Bagno Vignoni (52,2 km)
Cosa vedere in Toscana