Visitare lo Stagno Molentargius cosa vedere guida turistica

Cosa vedere allo Stagno Molentargius: consigli informazioni idee per visitare lo Stagno Molentargius.

Lo stagno di Molentargius è ubicato nella zona umida piu rilevante della Sardegna ed è fra le più importanti del bacino del Mediterraneo.

Guarda il video Parco Naturale Regionale di Molentargius Saline

Si sviluppa lungo il golfo di Cagliari, tra la periferia della città e l’abitato di Quartu S. Elena, vicino alla spiaggia del Poetto.

Il suo nome in lingua campidanese vuol dire asinaio, dal sardo “molenti”, in quanto nelle vicine saline si usavano questi animali per lo spostamento del sale.La zona, che resiste a fatica all’imperversare del degrado urbano, è vasta 1.041 ettari e le sue acque hanno una profondità fra i 50 e i 150 centimetri.

La formazione dello stagno è prodotta da ammassi sabbiosi che lo dividono dal mare al quale comunica per mezzo un canale artificiale.
L’insieme di acque salmastre e di acqua dolce consente il diffondersi di differenti ambienti e vegetazioni.
La visita dell’area è preferibile nel periodo invernale e permette di gustare lo spettacolo di migliaia di uccelli acquatici posati o in volo fra i canneti: sono state contate circa 170 specie, che corrispondono quasi un terzo dell’intera avifauna europea, con concentrazioni che spesso arrivano i 20 mila esemplari.

La specie più pregiata è sicuramente il fenicottero per il quale il Molentargius la Camargue e ad alcune lagune spagnole, costituisce il sito più significativo.
Lo stagno da rifugio anche anatre moriglioni, germani codoni, varie specie di aironi, gabbiani e falchi di palude.
Una splendida veduta del Molentargius si può ammirare dal Monte Urpinu, alle spalle di Cagliari e dal colle di Sant’Elia.
Telefono: 070 67 10 03

RISORSE UTILI