Visitare Ravenna cosa vedere guida turistica

Cosa vedere a Ravenna: consigli informazioni idee per visitare Ravenna dove dormire.

Immergiti nell’atmosfera di Ravenna

RAVENNA

Ravenna è la città d’arte e cultura più importante dell’Emilia Romagna

Famosa per i suoi mosaici, Ravenna è stata per ben tre volte capitale: dell’impero romano d’occidente, di Teodorico re dei Goti, dell’impero di Bisanzio in Europa.
La fastosità di quei tempi ha lasciato un enorme patrimonio di monumenti, di edifici religiosi decorati con mosaici ora patrimonio dell’umanità UNESCO.

A Ravenna si possono ammirare torri campanarie e chiostri monastici, osservare gli affreschi giotteschi di Santa Chiara all’abside barocca di Sant’Apollinare Nuovo.
Ravenna raccoglie in sè la civiltà romana, gota, bizantina, medievale, veneziana ma è anche contemporanea, civile ed ospitale ed è inoltre ricca di eventi e manifestazioni di pregio internazionale.

Ravenna ha catturato la luce dell’antica Bisanzio nell’oro dei suoi meravigliosi mosaici.
L’azzurro dell’Adriatico e il verde delle rigogliose pinete del territorio, dei suoi boschi e delle sue oasi naturalistiche, offrono varie opportunità per una vacanza attiva e a contatto con la natura, tutta da vivere e da ricordare.

Ravenna raccoglie un prezioso patrimonio d’arte paleocristiana e bizantina del V e VI secolo, che attesta il suo passato di imperiale splendore.
Ma ogni città o piccolo centro della provincia ravennate è ricco di pregevoli architetture e opere d’arte di ogni epoca e stile, da Faenza, città della ceramica, a Casola Valsenio; da Cervia e Milano Marittima a Lugo; da Brisighella a Riolo Terme; da Bagnacavallo a Bagnara.
Musei, mostre d’arte, spettacoli e concerti, sagre paesane che ruotano intorno a tradizioni popolari e prodotti tipici, offrono mille occasioni di interesse e divertimento nel corso dell’anno.
Eventi prestigiosi, anche a livello internazionale, vengono allestiti nel periodo estivo.
La tavola, dove non manca mai la fragrante piadina, offre tutti i pesci dell’Adriatico e i buoni sapori dell’entroterra, dalla pasta fatta in casa, condita con succulento ragù, alle carni alla brace.
Una tavola che riscuote un grande successo da parte di tutti i gourmet, che non dimenticano di apprezzare i buoni vini della Romagna.



ARTE E NATURA FRA MARE E COLLINE

Ravenna e i 18 comuni che ne compongono la provincia rappresentano un comprensorio turistico fra i più completi, se non addirittura il più completo di tutta l’Italia del nord. Infatti, il territorio comprende una serie di località, diverse fra loro per posizione e caratteristiche storiche, in grado si soddisfare le richieste e le curiosità di ogni tipologia di viaggiatore e di turista unendo natura, arte, cultura, svago e divertimento.

Per esempio, una sosta a Ravenna non può prescindere dalla visita di chiese, palazzi e battisteri che mostrano la magnificenza degli splendidi mosaici bizantini.

Nella cappella della Basilica di San Francesco, oltre a un frammento di mosaico, si trova la tomba di Dante Alighieri che a Ravenna visse gli ultimi anni della sua vita, morendovi nel 1321. Nel convento francescano di Ravenna è stato allestito un museo sul Poeta.

Nei pressi della stazione ferroviaria si trova invece un’altra monumentale costruzione funeraria, in marmo bianco d’Istria: il Mausoleo di Teodorico, re degli Ostrogoti.

Attorno alla città si estende parte del Parco Delta del Po, un’area naturalistica di rara bellezza costellata di interessanti punti visita.

A sud la porta d’ingresso del Parco è costituita dalle suggestive Saline di Cervia, di epoca etrusca, le cui acque sono utilizzate a scopo benefico e curativo per malesseri articolari e respiratori dalle Terme di Cervia e dalle quali si ricava il Sale di Cervia che, riconosciuto come prodotto tipico, trova larghissimo impiego in cucina, addirittura abbinato al cioccolato, per le sue caratteristiche uniche.

Unitamente agli altri lidi ravennati Cervia, separata dalla mondana Milano Marittima dal pittoresco porto canale, è una meta storica del turismo balneare che già dai primi decenni del ‘900 si e sviluppato progressivamente offrendo oggi una ricettività all’avanguardia rappresentata da hotel e ristoranti di assoluta qualità.

Oriolo dei Fichi circondato da una rete di sentieri che sviluppa 4 percorsi tematici di quasi 12 chilometri totale fra splendidi panorami, colorati dai filari dei vitigni di Sangiovese, Trebbiano, Albana e il particolarissimo Savignon, da non confondere con i più noti Sauvignon e Cabernet Sauvignon.

Riolo Terme, dove si trovano terme già note al tempo dell’Impero Romano, e infine, lungo la stessa strada che porta a Palazzuolo sul Senio quindi in Toscana, si incontra Casola Valsenio un borgo risalente al XIII secolo caratterizzato dalla coltivazione di erbe officinali e frutti altrove ormai scomparsi valorizzati attraverso sagre, mercati e fiere come Erbe in Fiore (ultimo fine settimana di maggio), il Mercatino Serale delle Erbe (tutti i venerei di luglio e agosto) la Festa del Marrone di Casola Valsenio (secondo fine settimana di ottobre) e la Festa dei Frutti Dimenticati (terzo fine settimana di ottobre).

Nell’entroterra ravennate si trova Faenza, famosa per la produzione di ceramiche e maioliche artistiche…

Mentre nei primi chilometri delle strade di collina, che partono proprio da Faenza per arrivare ai passi appenninici fra Emilia Romagna e Toscana, s’incontrano affascinanti borghi come Brisighella, dove nei primi due fine settimana di luglio si tengono le Feste Medioevali: un’occasione unica per immergersi completamente nel fascino e nei mistero di quel periodo, nel cuore di un’apprezzata città storica.

Ravenna e il suo territorio sono questo e tanto altro ancora, una continua scoperta una continua sorpresa per il turista che non si accontenta e alla vacanza chiede quel qualcosa in più, che qui è sicuro di poter trovare!

LA COSTA RAVENNATE

La costa ravennate, da Casalborsetti a Cervia e Milano Marittima, si caratterizza per ampie proposte ricettive: hotel di varie categorie, campeggi, appartamenti, pensioni familiari.

Vasta e qualificata è l’offerta di attrezzature e servizi per la vita balneare, per ogni genere di attività sportiva e di fitness.

GLI STABILIMENTI TERMALI

Gli stabilimenti termali di Riolo Terme, Cervia, Punta Marina Terme e Brisighella sono oasi di benessere in cui è piacevole sottoporsi a cure preventive o terapeutiche per vari tipi di patologie, nonchè ad interventi cosmetici.

IL PARCO DEL DELTA DEL PO

Il grande Parco del Delta del Po, con tutte le sue ricchezze naturali e presenze antropiche d’altri tempi, offre l’emozione di riscoprire una natura pressochè incontaminata, con escursioni a piedi, a cavallo, in canoa o in bicicletta.

Nelle verdeggianti pinete, tra le dune selvagge, o nelle oasi naturalistiche “umide” di grande fascino, come l’area di Punte Alberete e le Saline di Cervia, si ammirano splendidi esemplari di vegetazione e rare specie faunistiche.

L'APPENNINO RAVENNATE

Affascinanti i percorsi sui crinali e tra i calanchi dell’Appennino, per raggiungere la singolare Vena del Gesso, imponente cresta rocciosa di selenite tra le valli del Santerno e del Lamone, e visitare un’area caratterizzata da straordinari fenomeni carsici.

RISORSE UTILI

  • Ravenna su Wikipedia
  • Parco del Delta del Po: sito ufficiale
  • Ufficio Informazioni Turistiche di Ravenna Centro Storico Tel. 0544 35404 – 35755 – Fax ++39 0544 482670
  • Ufficio Informazioni Turistiche di Mausoleo Teodorico Tel. 0544 451539 – Fax 0544 451539
  • Informazioni, guide ed eventi nel sito del Comune di Ravenna.

Guarda il video di Sant’Apollinare in Classe (Ravenna):

DOVE DORMIRE A RAVENNA



Potrebbero interessarti le guide turistiche di…

Cosa vedere a Forlì (28,8 km)
Cosa vedere a Cesena (36,4 km)
Cosa vedere a Faenza (39,2 km)
Cosa vedere a Brisighella (44,7 km)
Cosa vedere in Emilia Romagna