La Barcolana di Trieste

Consigli informazioni e idee per vedere La Barcolana di Trieste

La regata che presenta duemila imbarcazioni nel Golfo di Trieste, trasformando la zona del porto in un tripudio di barche, una foresta di alberi. Si tiene a metà ottobre, portando nel capoluogo un’indomabile frenesia fra gli uomini di mare ed uno spiccato interesse fra i turisti che accorrono da ogni parte del mondo.
La manifestazione velica è ben visibile dalle alture site immediatamente alle spalle del Golfo, rendendolo un autentico stadio della vela. Questo è, e rimarrà ancora a lungo, l’evento più importante del Friuli Venezia Giulia.

Indice:
  1. Video della Barcolana
  2. UN WEEK END A TRIESTE PER ASSISTERE ALLA REGATA
  3. INFORMAZIONI SULLA REGATA
  4. LA PARTECIPAZIONE DI TRIESTE
  5. DA DOVE GUARDARE LA BARCOLANA
  6. CHI SONO STATI I VINCITORI
  7. RISORSE UTILI


Guarda il video: La Barcolana


UN WEEK END A TRIESTE PER ASSISTERE ALLA REGATA

L’appuntamento con la Barcolana si ha sempre la seconda settimana di ottobre, ed è riscontrabile dall’enorme afflusso nella zona portuale di Trieste. Turisti che affollano bar, marinai che preparano i loro gioielli, staff che allestisce i tendoni… tutto coincide con i preparativi di un grande evento da godere in coppia o con tutta la famiglia, cogliendo l’occasione per trascorrere un week end nell’indimenticabile Trieste, città marinara dai mille volti, tutti da scoprire.

Una di queste mille splendide facce è il Museo dell’ottocentesco Castello di Miramare, proprio di fronte al quale si tiene la partenza della regata.
Per quest’occasione i negozianti mettono in vendita oggetti speciali dedicati alla regata, i ristoranti stanno aperti per tutto il fine settimana ed il comune offre l’apertura delle sue meraviglie storiche, allestendo anche diversi eventi culturali.


INFORMAZIONI SULLA REGATA

Questa storica regata velica è stata organizzata per la prima volta alla fine degli anni sessanta da parte della Società velica di Barcola (frazione di Trieste), a tutti nota come “Barcolana”. In origine il nome ufficiale era Coppa d’Autunno, ma ben presto il nome attuale prese il sopravvento sulla bocca di tutti.
Si svolge nel punto più a nord dell’Adriatico , in un percorso a quadrilatero con vertici fissi, per una lunghezza di 16 miglia. Una delle quattro boe è posizionata in territorio marino sloveno.

Le barche che partecipano alla Barcolana devono avere uno scafo equivalente o maggiore di 6 metri di lunghezza.
Gli equipaggi sono composti da professionisti o da dilettanti, ed è proprio questo l’impulso che spinge così tanti marinai a partecipare: l’emozione di concorrere con i maggiori campioni al mondo è fortissima, così come quella scaturita dal vedere in azione i migliori velieri al mondo, nati dai progetti dei più quotati ingegneri del globo… il tutto a pochi metri di distanza.

Per questi motivi vedrete vittoriosi professionisti affiancati da timorose famigliole guidate dal vecchio nonno, navigato velista di razza.

La partenza è uno dei momenti più emozionanti ed avviene in contemporanea per oltre 2000 barche a vela con 25 mila velisti e due-trecentomila spettatori.
Nonostante le titubanze degli storici organizzatori, che ritenevano proibitiva una regata a metà ottobre, causa incognita chiamata Bora, la storia ha dato ragione alla fantastica idea. L’amata Barcolana è l’ultimo appuntamento sportivo della stagione velica, è quindi in grando di lasciare agli sportivi grandi gioie durante l’inverno… o l’amaro in bocca.


LA PARTECIPAZIONE DI TRIESTE

Di solito circa un terzo delle imbarcazioni sono triestine, e considerando i 230 mila abitanti è un risultato che fa riflettere sull’affezione che lega questa genti al mare, alla vela e alla manifestazione stessa.
Un responsabile ha dichiarato che i posti disponibili sono di gran lunga minori di quelli richiesti… quindi, a suo malgrado, si vede spesso costretto a lasciare a terra qualcuno.
Si può veramente ritenere la Barcolana come una festa cittadina, che rende gli abitanti orgogliosi del proprio Golfo e del proprio Mare.


DA DOVE GUARDARE LA BARCOLANA

Di solito i turisti osservano la regata da diverse location, una delle quali è Piazza Unità d’Italia, la principale di Trieste, aperta su un lato al Golfo. Una seconda postazione per osservare l’evento è da cercare in Strada del Friuli, sopraelevata sulla costa, a nord del centro del capoluogo. Il terzo punto di appostamento sono le panchine sulla Napoleonica, ma segnaliamo che vengono occupate già a partire dall’alba dai più sfrenati appassionati.


CHI SONO STATI I VINCITORI

La Barcolana ha avuto un decennio iniziale di vittorie conseguite dagli appartenenti a circoli del Golfo di Trieste. Nell’Ottanta vinse per la prima volta una squadra straniere: i tedeschi di Hoffmeister e Stadler, appartenenti alla YC Monaco.

A partire da quell’anno sono arrivati i grandi sponsor ed i grandi soldi, che hanno portando la partecipazione di imbarcazioni d’élite ed equipaggi sempre più ai vertici del panorama mondiale. Esempio eclatante è la partecipazione del Moro di Venezia, imbarcazione realizzata per la Coppa America del 1992. Il Moro vinse due volte la regata e ciò fece acquisire un’immensa popolarità all’evento del Friuli.

Sono aumentate progressivamente le partecipazioni illustri, sia di barche che di uomini. Un capitolo a parte lo meritano gli sloveni di Mitja Kosmina, trionfanti per ben quattro volte.

Un altro personaggio emblematico della competizione è stato Neville Chrichton, che ha riportato cinque vittorie.
Nel 2005 la Barcolana è stata però rivinta da un velista triestino: Lorenzo Bressanti, che tentò di bissare il successo anche nel 2006: Il velista si impose “solo” nella sua categoria, giungendo secondo nella classifica finale.
Da sottolineare che il suo equipaggio era formato da amici e parenti.


RISORSE UTILI

www.facebook.com/RegataBarcolana
www.barcolana.it


Torna alla pagina: Visitare Trieste


Torna alla pagina: Visitare Trieste