Parco Regionale Alpi Apuane

Le Alpi Apuane e il Parco Regionale delle Alpi Apuane

Video Alpi Apuane

Le Alpi Apuane occupano il territorio che dagli Appennini si prolunga fino alla campagna di Lucca. Si distinguoni in maniera netta dagli Appennini per le vette accuminate e l’inclinazione dei versanti.
Il gruppo principale è compostio da un’unica dorsale lunga circa 60 chilometri parallela alla costa tirrenica. La vetta più alta è il monte Pisanino m 1945; le altre vette principali sono: la Tambura m 1889, il monte Cavallo m 1895, il Sagro m 1749, il Pizzo d’Uccello m 1781. Il suolo è composto prevalentemente da rocce carbonatiche quali le dolomie e i marmi a cristallizzazione finissima.
L’estrazione del marmo, attiva da secoli, ha dato al paesaggio un’impronta unica, modellando i versanti fino ad alte quote e ricoprendoli di detriti.

TURISMO NEL PARCO DELLE ALPI APUANE
Le Alpi Apuane, montagne aspre e inaccessibili le cui vette sono state conquistate solo fra le due guerre, sono di grande interesse turistico per la presenza delle cave, ma anche dal punto di vista naturalistico, speleologico ed escursionistico.
Sono presenti numerose specie vegetali endemiche e grandi rapaci.
Sono inoltre presenti oltre 1300 cavità sotterranee alcune anche di notevole lunghezza.
Oggi la zona delle Alpi Apuane è diventata Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane (www.parcoapuane.toscana.it), per meglio preservare le particolarità uniche di questa zona, sfruttata da secoli di disboscamento ed estrazione di marmo.
Il Parco ha un’estensione di 54.327 ettari nelle provincie di Massa Carrara e Lucca e comprende 22 comuni tra la pianura litoranea apuo-versiliese e i fiumi Magra, Aulella e Serchio.
Nel Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane sono presenti innumerevoli sentieri segnalati e diversi rifugi alpini. E’ possibile reperire documentazione dettagliata dai quattro centri di accoglienza a Forno, Castelpoggio, Seravezza e Castelnuovo di Garfagnana.

IL MARMO E LE CITTÀ
In epoca romana è iniziato lo sfruttamento dei giacimenti di marmo ed è proseguito per tutta l’età imperiale.
Dopo alterni periodi di decadenza nel XII secolo le cave sono ritornate attive e nei secoli successivi i maggiori artisti vi hanno direttamente scelto i blocchi da cui ricavare le sculture e adornare chiese e cattedrali.
Carrara diventa il più importante centro nel mondo per la diffusione del marmo, che viene inviato nelle principali città italiane e nelle capitali dei grandi regni europei.
Ancora oggi i marmi apuani hanno mantenuto la loro importanza a livello mondiale.
Tanti secoli di estrazioni hanno modellato questi territori e le abitudini della gente che li abita. Lo si può notare da piccoli particolari come da grandi segni come la presenza lungo le strade di aziende per la lavorazione del marmo, i centinaia di laboratori artigiani, le opere in marmo che adornano palazzi, chiese ed edifici nelle piccole e grandi località.

DOVE DORMIRE
Le località più vicine alle Alpi Apuane dove trovare alloggio sono nella vicinissima Versilia; le più importanti sono Marina di Massa, Lido di Camaiore e Viareggio.